Questo sito utilizza i cookies per migliorare le sue prestazioni e migliorare le funzionalità. Se non ne consentite l'uso alcune funzioni del sito potrebbero non essere attive o avere le medesime prestazioni. Maggiori informazioni sui cookies sono nella Privacy Policy

TRASPORTO: € 6.90 per ordini da € 20 a € 70 - € 3.90 per ordini da € 70 a € 99 - GRATUITO oltre € 99 ×

Focacce, panini alle noci, bocconcini di patate, grissini... hai mai provato o pensato di fare il pane in casa? Vuoi mettere la soddisfazione, il gusto e il profumo che pervade la tua casa con il pane fatto in casa? Una delizia! Il pane fatto in casa sembra un procedimento lungo e complicato... ma grazie agli strumenti giusti e ai nostri piccoli suggerimenti fare il pane in casa sarà semplicissimo. Con l’impasto base per il pane si possono realizzare una grande quantità di preparazioni tra cui pizze, focacce e torte salate oltre ad un’enorme varietà di pane e panini. Divertiti a impastare e sfornare, sarà un’attività piacevole e molto produttiva!

Le farine non sono tutte uguali

Le farine per il pane hanno caratteristiche diverse che è opportuno conoscere, perché influenzano i tempi di lievitazione ed il risultato finale. Le farine per il pane si dividono in 2 categorie: quelle forti e quelle deboli.
Le farine forti generalmente sono la 0, 00 e la 2. Le farine deboli sono invece avena, grano saraceno, miglio, segale e riso. La forza delle farine si misura con la lettera W e più il numero è alto e più la farina resiste alle lunghe lievitazioni. Se W è fino a 170 la farina si classifica come debole. Da 180 a 260 la farina è media; da 280 a 350 la farina è forte e maggiore di 350 si definisce speciale.
Quando si vogliono realizzare dei pani miscelati bisogna ricordarsi che bisogna aggiungere al massimo il 30% di farine deboli. A volte è possibile preparare un pane utilizzando una maggiore percentuale di farina debole sul totale dell’impasto, ma bisogna ricordarsi di farlo lievitare per molto più tempo. Le farine integrali sono consigliate perchè aumentano il potere di lievitazione; un altro tipo di farina che aiuta a sostenere l’impasto durante la lievitazione è quella di farro che può essere utilizzata in percentuali sino al 40% o anche addirittura al 50%. Si possono utilizzare anche farine speciali come quella di ceci o di mais, ma vanno utilizzate in una percentuale massima del 20%.

Alcuni accorgimenti per il pane fatto in casa.

Imparare a capire e ad ottenere il giusto livello di elasticità dell’impasto e trovare le condizioni ideali per farlo lievitare... sono piccoli trucchi che si imparano con l’esperienza: non fermarti alla prima pagnotta, ogni volta il risultato sarà sempre migliore!


Impasto per il pane
L’impasto deve essere consistente al punto giusto, ovvero non deve essere troppo morbido perché non manterrebbe la forma prima della prima lievitazione, né troppo duro, altrimenti non lieviterà. Se l’impasto è troppo molle bisogna aggiungere farina poco alla volta, impastando molto bene per farla assorbire prima di aggiungerne dell’altra, fino ad ottenere il grado di elasticità desiderato. Se al contrario l’impasto risultasse troppo duro, invece della farina andrà aggiunta acqua o un altro liquido utilizzato per la preparazione dell’impasto, fino ad ottenere la consistenza corretta.

Lievitazione del pane
Una corretta lievitazione deve avvenire in un luogo caldo, la temperatura ideale è compresa fra i 26 e i 30 °C. Si può optare per una sola lievitazione o per la doppia lievitazione.
La lievitazione singola è ottimale per i grossi pani che necessitano di più tempo per raggiungere la struttura necessaria per poi avere una buona alveolatura. Questo tipo di lievitazione è utile anche per i pani in cassetta e per il pan brioche. La doppia lievitazione invece è consigliata per i pani di piccole dimensioni perchè dopo il primo periodo di riposo necessitano anche di un tempo per stabilizzarsi nella nuova forma.


Ricette pane fatto in casa

Pagnotta al sesamo nero

Il sesamo nero si può reperire in negozi di alimenti biologici o asiatici. In Cina è considerato un piccolo grande tesoro per le sue proprietà nutritive e curative.

Difficoltà: media
Costo: medio
Tempo: preparazione 15 minuti - lievitazione 2 ore - cottura 30 minuti
Ingredienti: • 400 g di farina 00 • 100 g di farina integrale • 250 ml di acqua • 100 ml di olio extravergine
di oliva • 50 g di sesamo nero • 25 g di lievito di birra • 10 g di malto d’orzo • 5 g di sale
Abbinamenti: salsa di carciofi e un bollicine rosé o pas dosé

Procedimento
Miscela la farina 00 con quella integrale ed il sesamo nero, aggiungi l’olio e inizia a mescolare. Puoi lavorare il pane a mano oppure in una planetaria. Riscalda leggermente l’acqua alcuni secondi e sciogli all’interno il malto d’orzo e il lievito, aggiungilo agli altri ingredienti ed impasta il tutto molto bene. Per ultimo aggiungi il sale e finisci di impastare. Metti l’impasto nel lievita pagnotta e fallo lievitare per circa 2 ore coperto, in un luogo asciutto. Rovescia la pagnotta dal cestino traforato su una teglia rivestita con carta da forno. Cospargi la superficie del pane con della farina e del sesamo nero e cuoci il pane in forno caldo a 230 °C per circa 30 minuti. Dopo 10 minuti di cottura, abbassa la temperatura del forno a 200 °C.

Pagnotta al carbone vegetale e sesamo nero

È diventato di gran moda e fa anche bene: il carbone vegetale viene aggiunto agli impasti perché sembra che favorisca la digestione e faccia sgonfiare la pancia.

Difficoltà: media
Costo: medio
Tempo: preparazione 15 minuti - lievitazione 2 ore - cottura 30 minuti
Ingredienti: • 490 g di farina 00 • 250 ml di acqua • 100 ml di olio extravergine di oliva • 50 g di sesamo nero • 25 g di lievito di birra • 10 g di malto d’orzo • 10 g di carbone vegetale • 5 g di sale
Abbinamenti: una marmellata di albicocche e un tè Darjeeling

Procedimento
Miscela la farina 00 con il carbone vegetale ed il sesamo nero. Aggiungi l’olio e inizia a mescolare. Puoi lavorare il pane a mano oppure in una planetaria. Scalda leggermente l’acqua alcuni secondi. Poi sciogli all’interno il malto d’orzo e il lievito. Aggiungi la parte liquida a quella solida ed impasta il tutto molto bene. Per ultimo aggiungi il sale e finisci di impastare. Metti l’impasto nel lievita pagnotta e fallo lievitare per circa 2 ore coperto, in un luogo asciutto. Rovescia la pagnotta dal cestino traforato su una leccarda rivestita di carta da forno. Spolverizza la superficie del pane con della farina e cuoci il pane in forno caldo a 230 °C per circa 30 minuti. Dopo 10 minuti di cottura abbassa la temperatura del forno a 200 °C.

Pane kaiser allo zafferano

Di origine tirolese, il pane kaiser era un pane bianco che, in epoca austroungarica, era prerogativa della nobiltà. Noi te ne proponiamo una versione colorata e preziosa.

Difficoltà: media
Costo: medio
Tempo: preparazione 15 minuti - lievitazione 40 minuti - cottura 15 minuti
Ingredienti: • 400 g di farina 00 • 100 g di farina 0 • 100 ml di olio • 200 ml di latte 25 g di lievito di birra • 10 g di malto d’orzo • 2 bustine di zafferano • 10 g di sale • 1 uovo
Abbinamenti: un formaggio cremoso e una birra chiara.

Procedimento
Miscela le farine, aggiungi l’olio e inizia ad impastare. Sciogli lo zafferano in due dita d’acqua intiepidita e versa il liquido nell’impasto. A parte, fai intiepidire l’acqua e sciogli all’interno il lievito e il malto d’orzo, quindi unisci all’impasto. Lavora bene e per ultimo aggiungi il sale. Forma una palla liscia, mettila nella ciotola per lievitazione e chiudi bene il coperchio. Riscalda il gel lievitante in forno a microonde alla massima temperatura per 30 secondi, appoggiaci la ciotola chiusa e lascia lievitare. Ti accorgerai che il pane sarà lievitato, perché il coperchio si gonfierà. Apri la ciotola e suddividi l’impasto in tante piccole palline dello stesso peso: ricavane tra 8 e 10, disponile ben distanziate su due teglie e falle lievitare per 10 minuti. Imprimi il decoro usando lo stampo kaiser, premendo bene sino a circa 2 millimetri dalla teglia; spennella la superficie con l’uovo sbattuto e lascia lievitare ancora. Dopo circa 30 minuti, spennella nuovamente la superficie dei panini con l’uovo, cospargi con fior di sale e cuoci in forno caldo a 200 °C per circa 15 minuti.

Trecce alla yogurt e uvetta

Una bella tazza di tè caldo e una fetta di treccia di pane, golosissima nella versione allo yogurt greco e uvetta.
Sarà difficile fermarsi alla prima fetta!

Difficoltà: media
Costo: medio
Tempo: preparazione 15 minuti - lievitazione 2 ore - cottura 20 minuti
Ingredienti: • 300 g di farina manitoba • 200 g di farina 00 • 170 g di yogurt greco • 100 g di zucchero • 100 g di uvetta • 200 ml di latte • 25 g di lievito di birra • 10 g di malto di riso • 2 uova • 5 g di sale
Abbinamenti: una marmellata di arance o una confettura
al mandarino, insieme ad un tè al gelsomino o al bergamotto.

Procedimento
Miscela le farine con lo zucchero e l’uvetta, aggiungi l’uovo e inizia ad impastare. A parte, fai intiepidire il latte e sciogli all’interno il lievito e il malto d’orzo. Versa la parte liquida nell’impasto, lavora bene e per ultimo aggiungi il sale. Forma una palla liscia, mettila nella ciotola per lievitazione e chiudi bene il coperchio. Riscalda il gel lievitante nel forno a microonde alla massima temperatura per 30 secondi, quindi appoggiaci la ciotola chiusa e lascia lievitare. Ti accorgerai che il pane sarà lievitato, perché il coperchio si gonfierà. Apri la ciotola e suddividi l’impasto in tante piccole pagnotte dello stesso peso. Ricavane 6-8, disponile ben distanziate su due teglie e falle lievitare per 15 minuti. Imprimi il decoro con lo stampo a treccia premendo bene sino a circa 2 millimetri dalla teglia, rovescia i pani e lascia riposare 15 minuti, quindi girali, spennella con l’uovo sbattuto e fai lievitare almeno altri 20 minuti, quindi spennella nuovamente la superficie con l’uovo, cospargi con zucchero di canna e cuoci in forno caldo a 200 °C per 15-20 minuti.

Top